Lodz – Cosa c’è di nuovo

Dopo lunga e forzata assenza da questi schermi – dovuta come al solito alle scadenze di alcuni lavori, nonché allo scarso funzionamento del mio computer – mi concedo qualche decina di minuti un paio d’ore per un breve post sulla mia ultima avventura. Si tratta della partecipazione alla conferenza internazionale “What’s new in the New Europe?” (da cui il titolo del post) organizzata dalla ISSEI (International Society for the Study of European Ideas) presso l’Università di Lodz, in Polonia.

La ISSEI è una prestigiosa associazione scientifica internazionale che dal 1988 organizza – con scadenza biennale, ogni volta in una diversa località europea – un incontro che verte sul tema delle idee europee. I convegni sono aperti agli studiosi di diverse discipline provenienti da tutto il mondo. Per dare una cifra delle dimensioni dell’evento e dei livelli dell’organizzazione, si tratta in media di 300 – 400 partecipanti per ogni edizione.

Il tema di questa 15a edizione era una riflessione su quello che appunto c’è di nuovo nella nuova Europa, partendo, anche e necessariamente, da quella che è la storia delle idee che hanno contribuito alla formazione di un’identità del continente. Dunque dalla filosofia greca, alle idee illuministe, al rapporto tra ragione e religione, ai temi della solidarietà, del ruolo della politica, della democrazia, dell’arte, della cultura e dell’educazione. Nel mio caso, il workshop scelto era dedicato al tema “Escatologia, Apocalisse e Modernità”.

issei0.jpg

I preparativi sono iniziati già questa primavera, con il consueto invio dell’abstract e la ricerca dei voli più economici… l’abstract è stato accettato subito mentre la pianificazione del tragitto ha richiesto più tempo. Alla fine ho optato per un comodissimo: aereoporto di Treviso – aereoporto di Wroclaw – bus – stazione centrale di Wroclaw – stazione di Lodz, e per il ritorno: bus da Lodz all’aereoporto di Varsavia – volo a Bologna – bus – stazione centrale di Bologna – Mestre. Totale del mezzo giro dell’Europa: neanche 150 euro, non male!

Lodz-on-map-of-Poland-640x475.jpg

Per l’appartamento a Lodz ho optato per una stanza affittata tramite airbnb (solo 10 euro a notte) in una zona vicinissima all’Università. Sono stata davvero fortunata perché l’appartamento oltre che bello e pulitissimo era anche fornito di tutto (dallo shampoo allo scrub, all’occorrente per la colazione). Tralascio le note dolenti come il ritardo di quasi due ore del volo di andata che ha mandato a monte i miei propositi di vedere il bellissimo centro di Wroclaw (Breslavia) ma spezzo una lancia per i puntualissimi, economicissimi e super-moderni treni polacchi.

Dopo la domenica trascorsa in viaggio, dunque, il lunedì stato il giorno dedicato all’accoglienza, alla registrazione, alla presentazione della conferenza, seguita da uno spettacolo di coristi e danzatori locali e al ricevimento/buffet serale. Tutte buone occasioni per conoscere i colleghi e stabilire i primi contatti. In realtà, una volta effettuata la registrazione ed incontrato il supervisore del mio gruppo, ho avuto ben 4 ore, prima dell’inizio delle attività collettive, da dedicare all’esplorazione della città.

issei1

Il martedì mattina è stata la volta del mio workshop (se ne svolgevano ben 10 contemporaneamente in 10 diverse aule ogni mattina e pomeriggio!). E’ andato tutto molto bene e la discussione che ne è seguita è stata sicuramente costruttiva. Ho avuto moltissime domande alla fine della mia esposizione, e questo è segno che l’argomento ha riscosso un certo interesse. La discussione tenuta durante il workshop è proseguita sia nella pausa caffé che durante il pranzo.

Nel pomeriggio ho dedicato un altro paio d’ore all’esposizione della città, poi è stata la volta della conferenza plenaria, tenuta dal Prof. Peter Swirski, un brillante intervento sul tema dell’impatto delle nuove tecnologie, Reality Bites: The Anatomy of a Cultural Disaster.

Alle 19.30 una carovana di corriere ci ha portato al Training and Conference Centre dell’Università di Lodz, un padiglione fuori città, immerso in un parco con tanto di laghetto, per una (ricchissima) cena a base di pietanze locali e con tanto di intrattenimento musicale:

issei2.jpg

Appena rientrata ho fatto conoscenza con la mia nuova compagna d’appartamento, Keren, dolcissima ragazza di Parigi che era a Lodz per l’evento religioso Paradise City.

In Università anche i giorni successivi sono proseguiti con lo stesso ritmo serrato. Solo al giovedì pomeriggio erano in programma invece diverse visite guidate alla città. Purtroppo io non mi sono potuta trattenere fino alla fine perché questo avrebbe significato prolungare la permanenza fino a domenica e prendere un volo molto più costoso. Ho dovuto quindi ottimizzare i tempi in modo da riuscire a vedere un po’ la città per conto mio, ed ho preferito quindi partecipare solo alla conferenza plenaria, questa volta tenuta dalla Prof. Krystyna Kujawinska-Courtney sull’influenza e l’eredità di Shakespeare:

issei3

Nel resto del pomeriggio dunque (seppur a malincuore perché vorrei sempre fare TUTTO) sono ripartita alla volta del centro città. Questa volta (ed è anche il motivo per cui ho un paio di foto mie!) assieme a Keren:

IMG_20160717_230940

Lodz, pur essendo la terza città della Polonia per numero di abitanti (oltre 700.000) non è affatto un centro turistico né una tipica destinazione per il weekend, surclassata dalle più antiche e più note Breslavia, appunto, ma soprattutto Varsavia, Cracovia e Danzica. Lodz (si pronuncia più o meno “Uoc”) è un centro industriale, che si è svilupparto attorno alle fiorenti manifatture di cotone, che ha vissuto momenti di forte crisi, non solo durante la Seconda Guerra Mondiale ma anche dopo il 1989, e che negli ultimi decenni sembra avere un’incredibile rinascita, economica ma soprattutto artistica e culturale.

Delle sue particolarità sono riuscita ad esplorane tre, diciamo una al giorno. La prima – imperdibile – è sicuramente la via centrale, Piotrkowska, che con i suoi 7 km è una delle arterie commerciali più lunghe d’Europa:

IMG_20160711_204909

IMG_20160719_171657

IMG_20160713_225715

Piotrkowska è arricchita non solo da una Walk of Fame dedicata ai registi e agli adddetti ai lavori che hanno reso l’industria cinematografica di Lodz la più fiorente del paese, ma anche da numerose e bellissime statue di bronzo che celebrano i cittadini più illustri. A nord Piotrkowska si snoda fino alla silenziosa e malinconica Piazza della Libertà, ricordo di un’epoca che non esiste più:

Stella Marega Lodz

La seconda tappa che mi sono concessa è stata il complesso Manufaktura, che è molto di più oltre ad essere il centro commerciale più grande della Polonia: è sede di bar, ristoranti, hotel, strutture sportive e addirittura di una spiaggia, nonché di un importante museo di arte moderna. Il complesso si estende su un’area di 27 ettari ed è stato inaugurato nel 2006 in seguito ai lavori di riqualificazione dell’ex fabbrica tessile di Izrael Poznański, oggi patrimonio nazionale:

IMG_20160724_151304

IMG_20160717_231600

CIMG3402B

CIMG3441

Infine, una delle maggiori attrattive di Lodz è sicuramente l’impressionante galleria a cielo aperto di murales, che non era a caso era uno degli itinerari turistici previsti tra le attività della conferenza, e che fa della città una delle capitali mondiali della street-art:

IMG_20160713_230815

IMG_20160718_212711

CIMG3350

20160713_112123

Stella Marega Lodz

Questo è tutto! O almeno, è quel poco che può interessare a chi legge questo blog, e sono gli appunti principali che vorrei tenere nei miei ricordi! Durante il viaggio di ritorno, una chicca inaspettata: il bus che mi portava all’aereoporto ha fatto una sosta di 10 minuti proprio in centro a Varsavia… Il tempo di un’ultima foto:

CIMG3476

In conclusione: oltre a 3 righe in più sul curriculum, nuove conoscenze, moltissime impressioni positive, e la certezza di voler partecipare di nuovo tra due anni, questa conferenza mi ha permesso di raggiungere anche degli altri piccoli risultati concreti. Innanzitutto la possibilità di pubblicare il mio intervento negli atti del convegno. In secondo luogo la pianificazione di un’altro lavoro di ricerca in collaborazione con una ricercatrice polacca. Infine, la stipula di un’accordo Erasmus tra l’Università di Lodz e l’Università di Trieste, per cui abbiamo avviato le pratiche da poco. Quest’ultimo fatto non mi porta nulla di concreto, al momento attuale, ma permettetemi di andarne fiera.

Per motivi di tempo, questo post viene pubblicato in “edizione ridotta”. Aggiungerò forse qualche altra foto qui o in un altro post dedicato. Nel frattempo potete vederne buona parte sul mio profilo di instagram: https://www.instagram.com/stellassj/
Come si suol dire… restate sintonizzati!

NOTA DI SERVIZIO:

Se avete in mente di fare un viaggio, programmato da tempo o last-minute, e volete provare l’esperienza di vivere in un appartamento del luogo (ma anche in una villa o in una casa sull’albero), non esitate ad utilizzare il mio codice per avere un buono sconto reale da 18 a 30 euro sulla vostra prima prenotazione con airbnb! Basta seguire questo link:

https://www.airbnb.com/c/smarega?s=8/button-links.php%27&#8221

 

Advertisements

20 comments

  1. Interessante, grazie al tuo diligente e scrupoloso resoconto, mi hai permesso di aggiornare le mie impressioni sulla Polonia, in generale. Sfortunato Paese trovandosi tra due inquieti e non certo trascurabili entità, Germania e Russia. Nonostante la storia tormentata, la Polonia è riuscita a mantenere i propri caratteri, e la tua documentazione anche fotografica mi arriva più che gradita per avere un’idea della Polonia d’oggi. Certo, non può essere sufficiente, ma resta la tua generosità d’intenti.
    Complimenti. 🙂

    Liked by 1 persona

    • Grazie mille Guido. Quello che scrivi è verissimo, aggiungiamo anche che la Polonia vive con un certo orgoglio questo essere “in mezzo”, e va fiera della sua identità che deriva proprio dall’unione dei caratteri dei popoli polacchi, ebraici, russi e tedeschi. Proprio a Lodz si celebra infatti ogni anno il Festival delle 4 Culture.
      Anche se appunto Lodz non è un centro turistico ed è difficile trovare qualcuno che parli l’inglese (ma è possibile farsi capire e ricevere aiuto), l’impressione generale che ho avuto è proprio quella di un Paese che merita davvero di essere esplorato e conosciuto… e tanto per dirne una i prezzi dei trasporti particolarmente bassi sono già un ottimo incentivo!!

      Liked by 1 persona

    • Carissima… manco anche a me stessa se devo dirti la verità! Riesco comunque a seguirti sporadicamente su instagram e grazie a qualche sbirciatina su facebook… spero di avere al più presto il tempo di recuperare i tuoi vecchi post! Un bacio e grazie.

      Liked by 1 persona

  2. Complimenti per la conferenza! Quei murales oltre ad essere bellissimi sono anche enormi (mi sembra). Hai provato anche anche volte Airbnb? Io ho prenotato per la prima volta questa estate.. speriamo bene! 😛

    Mi piace

Lascia un segno del tuo passaggio!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...